giovedì 22 aprile 2010

Che significa inshallah? - What does inshallah mean?

Dentro. La voce ruvida e calda di un giornalista, Fabrizio Gatti, che si fa cantastorie e ti porta dentro l'odissea dei disperati di oggi e di ieri. Luce soffusa, fotografie di sguardi che interrogano le coscienze del pubblico, musica che profuma di sabbia e scirocco.
Fuori. Gli schermi fluorescenti dei cellulari. Perché anche il ritmo morbido del racconto epico deve adattarsi ai 140 caratteri di un tweet.
Ancora più fuori, dal un palco laterale una domanda. "Ma te lo sai cosa vuol dire inshallah?" Se Dio vuole, al teatro Pavone non ci sono solo giornalisti.

Inside. The rough and warm voice of a journslist, Fabrizio Gatti, who becomes a story-teller and takes the listener into the odyssey of our fathers (from Italy to America) and of ours brother (from Senegal, Darfur, Mali to Europe). Delicate lights, photographs of eyes which move the public consciences, music which smells of sand and sirocco wind.
Outside. The fluorescente screens of mobiles. Because the measured rithm of the epic tell has to bow and fill the narrow space of a 140 characters tweet.
A little more outside, from a theater box a question. "What does inshallah means?" If God likes, in the Pavone theater there aren't just journalists.

Claudia Campese
Valentina Ravizza
Sara Zolanetta

Nessun commento:

Posta un commento